Monday, 05 December, 2022

 

Politiche Sociali, Piano di Zona e un irresponsabile silenzio


Condividi!

đź”´Perchè dire che in questo momento la democrazia è sospesa non è un’esagerazione?Perchè è semplice parlare senza un contraddittorio!
đź—’Ecco cosa accade alle Politiche Sociali e al Piano di Zona, o meglio alla nuova Azienda Speciale Consortile da quando si è insediata l’amministrazione Festa!

  • il 7 luglio distribuendo le deleghe in giunta il Sindaco tiene per se quella alle Poltiche Sociali
  • il 25 luglio la Giunta nomina il Sindaco membro del CDA della Nuova Azienda speciale consortile e di diritto ne diviene il Presidente
  • il 30 luglio durante gli indirizzi generali di governo dirĂ :

Non solo. Voi sapete che, di fatto, nonostante io abbia sempre mostrato una grande contrarietà, le Politiche Sociali sono state trasferite, rispetto alle competenze, all’Azienda Consortile: non ritorno sul punto, ormai quel che è fatto è fatto.
Chi mi ha preceduto ha operato una scelta; legittimamente, l’Amministrazione ha aderitoall’Azienda Consortile.
L’Azienda è nata, ed ora dobbiamo fare in modo da farla funzionare bene, ma è evidente che l’Azienda Consortile comporta di fatto un azzeramento del Servizio Politiche Sociali e quindi avremo un soggetto esterno, che si occuperĂ  di seguire l’erogazione delle prestazioni per coloro i quali ne hanno piĂą bisogno, sapendo però che il Sindaco, l’Amministrazione tutta,sarĂ  sempre vigile rispetto alle varie problematiche dei nostri Concittadini. […] Prima ho giĂ  fatto cenno alla vicenda Politiche Sociali.Aggiungo solo una cosa, e anche in questo caso ne approfitto per ringraziare sua Eccellenza il Vescovo Arturo, che ha dato una dimostrazione di grande amore per questa CittĂ . ha quasi ultimato i lavori di riqualificazione di Parco Palatucci, che verrĂ  riconsegnato definitivamente nei prossimi giorni alla CittĂ , un lavoro egregio; si sta prendendo cura da tempo anche di un pezzo di verde a Piazza LibertĂ ; sta dimostrando, quindi, con i fatti, amore, ma non solo, anche vicinanza alla ComunitĂ  Avellinese. Io credo che sia arrivato il tempo per immaginare la realizzazione di un altro Dormitorio e di una Mensa dei Poveri, perchĂ© la sola struttura oggipresente a Via Morelli e Silvati è diventata insufficiente; un’Amministrazione responsabile che ha dichiarato: “Nessuno sarĂ  piĂą solo” non può che pensare anche ad un luogo in cui poter accogliere i nostri Concittadini piĂą sfortunati, offrire loro un tetto sotto il quale dormire, anche un pasto per potersi sfamare.

  • il 29 novembre i consiglieri di minoranza nella VII Commissione, Iandolo e Iacovacci richiedono una riunione urgente

negli ultimi giorni i fatti di cronaca cittadini ci riportano una ricostruzione al quanto allarmante circa le politiche sociali in cittĂ .
Da finanziamenti persi, come quello del progetto Donnesmart, ai fondi mai utilizzati del Pon Inclusione, alla possibile revoca del progetto WorkHer of Life destano preoccupazione in cittĂ  per le occasioni sprecate per dare servizi ai nostri cittadini.
Sono convinto, inoltre, che sia compito di questa commissione, essere al fianco dell’amministrazione nel tener conto dei progetti in essere e quelli futuri e nel provare a stimolare una sana collaborazione tra questo ufficio, l’amministrazione stessa e tutti gli attori chiamati in causa.
Molto di questo, ovviamente, parte dall’assenza di programmazione sulle politiche sociali in città e soprattutto circa il piano di zona di cui non conosciamo nulla se non dalle cronache quotidiane.
Per questo ritengo indispensabile una convocazione urgente di questa Commissione con l’invito al delegato alle politiche sociali del comune, quindi il sindaco Gianluca Festa, già con un dossier circa le cose in essere e i progetti futuri sia per l’ufficio cittadino che per l’iter che prevede la trasformazione del piano di zona in azienda consortile.

  • il 13 dicembre e il 17 dicembre, convocato in VII Commissione per parlare di Politiche Sociali e Piano di Zona non si presenta nè il Sindaco nè suoi delegati
  • intanto il 9 gennaio l’Assemblea dell’Azienda speciale approva la presa d’atto graduatoria direttore generale per il quale ancora non si è provveduta all’assunzione
  • ad Aprile 2020, intanto a causa dell’emergenza COVID vengono erogati buoni spesa con i fondi della Protezione Civile Nazionale e dei Bonus con i fondi del Piano di ZonaĂą
  • il 6 aprile, su nostra richiesta, viene convocata la VII Commissione per avere maggiori informazioni, ma anche a questa non si presenta nessuno dell’amministrazione.


📢Se c’è una persona che può spiegarlo è il Sindaco, se non lo fa significa che il suo imbarazzante silenzio è una semplice strategia, per poter spendere senza alcuna visione, senza erogare servizi di qualitĂ , senza condividere con la poltiica, il privato sociale e i cittadini una strategia complessiva.


🖥Fare le dirette sui social senza venirne a discutere nei luoghi deputati: cioè la VII Commissione Consiliare Permanente sulle Politiche Sociali o nel Consiglio Comunale significa non voler davvero programmare con efficienza.Ecco perchè non sappiamo se davvero tutti quelli che avevano bisogno sono stati aiutati in questo momento di forte difficoltà.


⚠️Intanto Arci Avellino ci dice che in città ci sono 3000 anziani soli praticamente invisibili www.orticalab.it/Solo-in-citta-3mila-anziani-soli.


đźš·Non si coordinano gli Enti di Terzo Settore che conoscono bene tantissime persone che hanno bisogno e sono in difficoltĂ  ma si fa solo propaganda montando tendopoli inutili per giustificare spese senza senso giĂ  fatte in passato inaugurandole con tanto di passerelle alla presenza di qualche associazione “amica”

Non basta fare cose buone, bisogna farle anche bene!

0 comments on “Politiche Sociali, Piano di Zona e un irresponsabile silenzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

Calendar

Dicembre 2022

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31